Sottomenu

Home  > Chansil

Chansil

Volleyball match

Caro amico,

non sai che razza di avventura!

Oggi c'era la partita di pallavolo e Alessandra, l'allenatrice ci aveva convocate, sia Silvia che me.

Ci siamo incontrati tutti davanti alla palestra, per poi andare.

Appena siamo andate lì, ci siamo cambiate e poi abbiamo iniziato il riscaldamento.

Mamma mia, quando l'altra squadra è entrata in campo, ci ha percorso un brivido... erano tutti dei colossi, forti e per la maggiore maschi.

Noi, invece, tutte femmine e piccoline.

Nel riscaldamento abbiamo fatto gli esercizi così bene che Alessandra si è stupita di noi.

Abbiamo cominciato a giocare.

A essere state convocate eravamo state: Silvia, Lorenza, Alexandra, Benedetta, Benedetta C. , Beatrice, Elisa, Nicole, Aurora, Monica ed Io.

Credo che siano tutte.

Avevamo paura, contro quelli, ma alla fine, una volta cominciata la partita, l'adrenalina che ci scorreva nelle vene superava di gran lunga la tansione che si affievoliva.

Il primo set l'abbiamo perso, con poco distacco. Io ero in campo, così come nel secondo.

Anche nel secondo abbiamo perso con poco distacco.

Il terzo è stato il set peggiore.

Anche quello è stato perso, ma il peggio è che in campo c'erano alcune nostre compagne che facevano troooooppi errori.

Io ero fuori.

Nel quarto ci ha fatto rientrare e l'abbiamo perso con poco distacco.

Pensa che abbiamo fatto un'azione fantastica: noi (squadra fantasia) battiamo, loro progetto 2000) fanno tre passaggi con schiacciata, noi difendiamo e poi quattro sulla palla, io faccio bager e la mando di là, loro muro e tutti ancora per terra.

Bellissimo!!

Mentre invece, l'ultimo l'abbiamo vinto!

Io ho fatto il punto finale, tipo all'hollywoodiana, con il risultato che ora ho le ginocchia rossa. Bè perchè quel genio che sono non si  messo le ginecchiere. In realtà perchè mi stanno scomode, ma insomma ...

Alla fine eravamo contente come se avessimo vinto, perchè ci eravamo divertite.

Abbiamo fatto anche la foto di gruppo che, appena me la danno, provvedo a metterla.

Per ora è tutto.

Chantal

Ps; io ero il numero 12, come il mio compleanno, Silvia il numero 9, per la stessa ragione.

Io e lei ci abbracciavamo sempre, alla fine di ogni set, dalla gioia di giocare insieme, con le nostre amiche, di divertirci.

La vittoria era un pensiero secondario. anche perchè la prima partita di pallavolo della nostra vita non sarebbe mai potuta essere depressiva, dai!

Alessandra era contentissima di noi e penso che questa partita ci abbia motivato e che in allenamento settimanale saremo ancora più brave!!